La sindrome di burnout, o da stress lavorativo, altro non è se non un malessere più o meno grave che turba il lavoratore stanco, insoddisfatto, logorato. Incapace di fronteggiare questo disagio, comincia a produrre sempre meno e vive questa sofferenza mentale non solo nella sede lavorativa ma in qualunque luogo e momento.

I segnali di questo malessere possono essere raggruppati in 3 momenti:

– Sentirsi prosciugati emotivamente, soffrire di nausea, non riuscire a dormire e a superare banali malattie come il raffreddore

– Sentirsi alienati dai colleghi e dai capi, sentirsi costantemente sottovalutati o ostracizzati

– Avere la sensazione di non riuscire a dare il meglio.

Sono situazioni in cui, nel mondo di oggi perennemente connesso e così esigente nell’ambito lavorativo, è facile ritrovarsi…fortunatamente però esistono dei piccoli accorgimenti che, se applicati, possono allontanare questa condizione:

1) Creati delle piccole liste:

Quando si è esauriti emotivamente ci si sente sopraffatti e spesso si continua a rimandare (e ci si rimprovera per questo). Il semplice iniziare a fare piccole cose , senza porsi obiettivi irraggiungibili, può avere un grande impatto sul proprio benessere personale. Il suggerimento è quindi di compilare una lista delle cose da fare, dividendo ogni attività in piccole parti e man mano che i compiti vengono eseguiti spuntare la lista. Progredire (anche lentamente) fa stare meglio.

2) Prenditi tempo per recuperare

Gli esperti sono concordi nel sostenere che staccare la spina è fondamentale per alleviare o allontanare il burnout. L’ideale sarebbe concedere a se stessi un’intera giornata facendo quel che più ci piace, andando a letto presto la sera per riposare una notte intera.Ma spesso questo non è possibile, ahimè…il suggerimento è però quello di non demordere e di ritagliarsi anche piccoli momenti, come una passeggiata o una pausa pranzo un pò più lunga.

Piccolo tip: cerca di concederti una pausa di 5 minuti ogni 30 minuti lavorativi, magari al termine di un micro-compito appena terminato.

3) Un hobby lontano dal lavoro

Coltivare un hobby al di fuori del lavoro grazie al quale è possibile decomprimere lo stress e dissociarsi temporaneamente dall’attività lavorativa può essere molto utile e dà sollievo allo stress. Non deve essere nulla di specifico, basta anche una semplice corsetta, meglio ancora se effettuata in compagnia di amici fidati con cui non parlare di lavoro.

(Visto 41 volte)